It’s Picnic al fianco delle piccole imprese familiari


Usciamo da un lungo periodo di stop forzato, di regole e restrizioni. Un periodo che non tutti abbiamo vissuto con lo stesso spirito: c’è chi ne ha approfittato per riscoprire vecchie passioni e riappropriarsi del tempo necessario per sé e chi ha fatto fatica a trovare la motivazione per andare avanti, vivendo ogni giornata come una successione di ore inutili.

Anche noi siamo stati presi da un iniziale momento di sconforto ma ci siamo fatti forza perché, come ci piace ripetere come un mantra, le idee vengono solo se si è in movimento. Ecco che, confrontandoci con cari amici, gestori di aziende di ristorazione, ci è venuta l’illuminazione: perché non pensare a un nuovo modo di proporre il classico picnic, dando la possibilità alle piccole imprese di ripartire senza costi eccessivi?

Abbiamo unito la nostra voglia di tornare a gustare un buon pranzo nella natura al desiderio di fare un’azione concreta per aiutare la ripartenza del nostro territorio. Abbiamo deciso di concentrarci su uno dei settori più in crisi, costretto a una chiusura prolungata, e sulle piccole aziende sparse per il territorio, lontane dai centri metropolitani e dalle rotte più frequentate.

Sono location di charme, piccoli tesori nascosti in piena campagna o fra i boschi. Sono piccole aziende, molte a conduzione famigliare, in cui incappiamo durante le nostre gite fuori porta e a cui ritorniamo entusiasti, anno dopo anno. E sono anche gli scenari di alcuni fra i matrimoni più romantici a cui abbiamo partecipato.

PicNic - Piccole imprese -

Il periodo di stop forzato ha costretto queste strutture a porsi seri dubbi sulla possibilità di una riapertura, a causa degli alti costi fissi e dell’alto rischio legato al numero variabile di clienti. Se è vero che tutti abbiamo voglia di tornare a gustare un buon pranzo fuori casa, è anche vero che l’idea di cenare separati da un pannello di plexiglass, in una stanza chiusa con altri commensali, non ci convince più di tanto.

Perché allora non sfruttare gli ampi spazi aperti da cui sono circondati agriturismi e cascine per dare vita a una nuova forma di ristorazione? Una soluzione in cui le regole sul distanziamento sociale possano essere facilmente rispettate, permettendo di passare una piacevole serata in tranquillità.

Vogliamo dare la possibilità a queste piccole aziende di ripartire con un progetto agile che comporti entrate sicure. Sono aziende cresciute grazie alla passione e al saper fare di chi le conduce e noi non vogliamo che questo patrimonio vada perduto. Grazie al nostro portale, in cui gli utenti prenotano direttamente le loro proposte di picnic preferite, possono ripartire sapendo precisamente quanti ospiti avranno per ogni pasto, evitando spese inutili che, in un periodo difficile, potrebbero essere fatali.

Per finire, se ancora non siete convinti, vogliamo parlarvi dei benefici del picnic sulla nostra salute: sicuramente non c’è bisogno di dirvi quanto benefico sia per la mente cambiare aria e passare qualche ora nella natura, ma a questo si aggiunge il fatto che i prodotti alla base dei menù sono prodotti a km 0, buoni e genuini, coltivati con tecniche non intensive, rispettose dell’ambiente, da piccoli produttori locali.

Un progetto per tornare a vivere la natura nel suo pieno splendore e nei suoi gusti genuini, per scoprire tesori inaspettati e dare nuove rotte alla nostra ricerca di sapori.


Lascia un commento


Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima della pubblicazione